Come Preparare il Castagnaccio

Scopriamo oggi un dolce tipico del periodo autunnale, una delle preparazioni più nutrienti e soffici della ricca tradizione culinaria della cucina povera e contadina: il Castagnaccio.

Ecco come si realizza con la ricetta spiegata passo passo.

Gli ingredienti
400 g di farina di castagne

500 ml di acqua

due cucchiai di olio extravergine d’oliva

una manciata abbondante di uvetta sultanina

100 g pinoli

una presa di sale

fecola di patate

60 g di zucchero semolato

un bicchierino di cognac a piacere

La preparazione della ricetta
Fate riprendere l’uvetta in acqua. In una terrina versate la farina setacciata, la fecola di patate, sale, zucchero, olio d’oliva e iniziate a mescolare gli ingredienti. Incorporate lentamente l’acqua impastando con cura. Aggiungete poi l’uvetta strizzata, i pinoli e il liquore.

In uno stampo da forno imburrato, versate il composto e infornate a 180 gradi per trenta minuti circa. Togliete dal forno, lasciate raffreddare e cospargete di zucchero a velo.

Come Scegliere il Miele

Il miele è un alimento naturale che fa molto bene al nostro organismo e che può essere utilizzato in cucina al posto del comune zucchero da tavola.

Ma come si sceglie il miele? Al momento della spesa al supermercato, bisogna stare molto attenti e leggere molto attentamente l’etichetta che viene applicata alle confezioni: sono da preferire quelli in cui viene indicato un solo paese di origine, che dovrà essere lo stesso in cui viene effettuato il confezionamento. Evitate, quindi, quelli che hanno un paese di produzione e di packaging diversi.

Ricordate, inoltre, che il miele, a meno che non sia quello di castagno o di acacia, cristallizza: se all’interno del vasetto vedete una sostanza piuttosto liquida (a meno che non si tratta delle tipologie sopracitate), evitate di acquistarlo perché significa che la loro qualità non è delle migliori.

Il prezzo, infine, non è sinonimo di risparmio, come ricordo sempre sul sito, è preferibile spendere un po’ di più, ma essere sicuri del tipo di prodotto che si va ad acquistare al supermercato e a consumare una volta a casa. Ne va’ della nostra salute. Soprattutto nel lungo periodo.

Come Applicare il Correttore

Quando l’effetto del fondotinta non è sufficiente per coprire le imperfezioni cutanee, il correttore diventa la soluzione efficace. Questo infatti agisce sui brufoli che il fondotinta può solo nascondere parzialmente, maschera le occhiaie e schiarisce le macchie della pelle. Le formule illuminanti alleggeriscono i segni delle rughe, mentre quelle uniformanti possono coprire i lividi e le cicatrici. Applicato assieme al fondotinta, il correttore aiuta a dare la base perfetta per il tuo trucco; mentre senza fondotinta è l’ideale per i ritocchi d’emergenza.

Prima del correttore devi applicare il latte detergente, il tonico e la crema e aspetta qualche minuto. Quindi inizia ad usare un piccolo pennello, che può essere scelto utilizzando questa guida sul pennello per correttore presente sul sito Nonsolotrucco.com, per applicare una goccia di correttore in crema nell’angolo interno dell’occhio, due gocce sotto la prima metà e un’altra nell’angolo esterno. Non esagerare sotto l’occhio, altrimenti penetrerà nelle rughe.

Adesso sfuma dolcemente, usando l’anulare. Inizia dall’angolo interno e procedi verso l’esterno, sfumandolo leggermente sotto l’occhiaia. Nella maggior parte dei casi non è necessario applicare il correttore sotto la metà esterna dell’occhio. Ora, per fare in modo di schiarire la zona più scura e dare luce allo sguardo, devi picchiettare con il correttore illuminante, l’angolo interno dell’occhio, usando la punta di un pennello oppure il dito. Infine sfuma con cura e rifinisci con un velo di cipria.

Se invece hai i brufoli, devi applicare il correttore con un pennello e sfumalo ai bordi. Non usarlo sulla pelle circostante perché evidenzierebbe il brufolo. Se hai delle cicatrici profonde, le devi livellare applicando strati di correttore in crema o liquido, con un pennello sottile. Usa una tonalità più chiara del tuo incarnato. Quindi picchietta bene prima di stendere lo strato successivo. Infine se hai delle rughe, devi mettere una piccola goccia di correttore illuminante sulla punta di un pennello da eyeliner. Riempi la ruga e lascia che asciughi.

Come Preparare Gnocchi al Radicchio

Una ricetta per un primo piatto sfizioso e saporito, cremoso e facile da preparare.

Scopriamo come fare gli gnocchetti crema di radicchio e robiola, da proporre in qualsiasi occasione a tavola.

Gli ingredienti per 4 persone
500 g di gnocchetti di patate

un cespo di radicchio rosso

200 g di robiola

200 ml di panna fresca

pecorino grattugiato

sale e pepe nero

burro

La preparazione della ricetta
Lessate gli gnocchetti in acqua in ebollizione. Nel frattempo preparate la crema di formaggio e radicchio. Lavate il trevisano e affettattelo finemente. In un tegame fate sciogliere il burro, aggiungete il radicchio e lasciatelo imbiondire. Quando è cotto fatelo raffreddare e passatelo nel mixer.

Nel boccale del robot aggiungete la panna fresca, la robiola, sale, pepe, il formaggio grattugiato. Rimettete sul fuoco e aggiungete gli gnocchetti mantecando con altro formaggio e una bella spolverata di pepe nero.

Come Preparare Involtini Cremosi con la Verza

Ci sono ortaggi che non sempre ci fanno impazzire di gusto. Uno di questi è la verza: quanti di voi staranno già tirando su il naso sentendola solamente nominare? Eppure ha tante proprietà e benefici.

Ecco a voi, quindi, una ricetta per renderla invitante e gustosa anche ai bambini: involtini cremosi di verza alla tirolese, facili e veloci da preparare.

Ingredienti
verza, 8 foglie grandi
patate lesse, 2
sottilette, 8
speck, 8 fette
sale, pepe, olio

Tempo di preparazione: 20 minuti

Preparazione
Iniziamo la nostra ricetta partendo dalla pulizia delle foglie della verza: in questo caso devono essere abbastanza grandi e corpose, in modo che non si sfaldino durante la cottura. Una volta pulite, mettetele a sbollentare in un pentolino con acqua salata ancora intere.

Nel frattempo, procedete schiacciando le patate che avrete precedentemente lessato con i rebbi di una forchetta, quindi conditele con un pizzico di pepe.

Non appena le foglie di verza si saranno ammorbidite, toglietele dal fuoco e asciugatele delicatamente con un panno pulito da cucina. Disponetevi all’interno una sottiletta (in questo caso ho utilizzato le kraft light, che non coprono eccessivamente il sapore degli altri ingredienti), uno strato di patate lesse e, infine, una fetta di speck.

Arrotolate bene la foglia formando un involtino ed, eventualmente, fermate il tutto utilizzando uno stuzzicadente. Riponete i vostri manicaretti nel forno preriscaldato a 180° per un paio di minuti (oppure potete metterle a cuocere in padella), quindi servite immediatamente nei piatti ancora bollenti.